Pensare al futuro e agli altri contemporaneamente: un’assicurazione sulla vita come strumento di donazione.

Designare il Cesvi come beneficiario della propria assicurazione sulla vita significa mettersi a riparo dagli imprevisti della vita e contemporaneamente pensare al futuro di migliaia di bambini assistiti da Cesvi ogni giorno.

Come funziona un’assicurazione sulla vita?

L’assicurazione sulla vita prevede che la compagnia assicurativa si impegni, dietro il corrispettivo di un premio, a liquidare al beneficiario designato in polizza (o ai beneficiari) un capitale, in seguito ad un accadimento relativo alla vita dell’assicurato.

L’assicurazione sulla vita non rientra nel patrimonio ereditario di una persona, pertanto il titolare è libero di intestarla a un qualsiasi beneficiario senza ledere i propri eredi.

Cesvi può essere nominato come beneficiario sia al momento della sottoscrizione della stessa, che con dichiarazione successiva o per testamento.