Viviamo nell’era della globalizzazione, in un mondo completamente interconnesso, dove ognuno di noi è un cittadino globale.  

Non esistono “problemi globali” che non siano collegabili alla nostra vita quotidiana, per questo come cittadini e consumatori siamo chiamati ad acquisire nuove competenze di “cittadinanza mondiale” che ci permettano di fare scelte sociali, economiche e civili più consapevoli.


Da sempre Cesvi con le sue campagne di sensibilizzazione si impegna nell’educare la cittadinanza al concetto di “Pianeta, casa comune” dove tutti hanno diritti, ma anche doveri, e dove le azioni di ciascuno ricadono sulle spalle degli altri.

Il tema della lotta alla fame è al centro del nostro impegno nel Sud del mondo, ma anche in Italia e Europa. Food Right Now è la campagna con la quale sensibilizziamo ed educhiamo giovani e cittadinanza sul problema della fame nel Sud del mondo e sulla promozione del diritto al cibo per tutti. Con Food Right Now coinvolgiamo i giovani e li spingiamo ad attivarsi perché siano loro stessi a portare il cambiamento e a impegnarsi nel diffondere la consapevolezza che avere accesso ad un cibo di qualità e sufficiente è un diritto di tutti.

Expo Milano 2015 con il tema “Nutrire il Pianeta” è stato un palcoscenico importante per portare all’attenzione del pubblico internazionale il nostro impegno a favore della sicurezza alimentare. L’Esposizione Universale ha offerto a Cesvi, come Organizzazione della Società Civile,  l’occasione di raccontare il protagonismo di donne, uomini e comunità del Sud del Mondo nello sviluppo socio-economico del proprio Paese, attraverso un uso consapevole delle risorse naturali nel rispetto del Pianeta.

Oggi i nuovi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs/Global Goals), in continuità con gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDGs), sottolineano l’impegno universale di tutti i Paesi per abbattere le disuguaglianze sociali ed economiche promuovendo infrastrutture adeguate e modelli di produzione e di consumo sostenibili a favore di una crescita verde e inclusiva entro il 2030.

Il nostro progetto Agente 0011 – co-finanziato dall’Agenzia Italiana della Cooperazione allo Sviluppo nell’ambito del bando Educazione alla Cittadinanza Globale 2016 – ha proprio l’obiettivo di promuovere la comprensione critica e la mobilitazione della società civile sui temi dell’Agenda 2030 e degli SDGs, nonché sulle implicazioni che comportano per l’Italia e i suoi cittadini.

Protagonisti sono i giovani, gli Agenti0011, agenti speciali del cambiamento, che, a partire dal proprio territorio, si fanno portavoce dell’urgenza di frenare lo sviluppo insostenibile, promotori di proposte sostenibili e inclusive per le loro città, e modelli di cittadini attivi e consapevoli. Prendendo spunto dal SDG11 – l’appello per una città più sicura, sostenibile ed inclusiva – gli studenti formulano proposte concrete di cambiamento, che al termine del progetto saranno oggetto di azioni di advocacy verso le autorità locali.

Agente0011 dà ampio spazio anche alla sperimentazione di strumenti innovativi nel contesto educativo: il sito web, supportato dal MIUR, crea un ambiente favorevole alla condivisione del sapere e allo sviluppo di un processo di peer-education tra gli attori coinvolti.